Manuale di storia del design

Questo volume, dedicato alla storia del design dalla metà del XIX secolo a oggi, si impegna a tracciare linee guida dello sviluppo di questa disciplina, offrendo una visione sintetica della materia e, al tempo stesso, evidenziando elementi per possibili approfondimenti futuri.
Se è vero che la storia dei manufatti e degli oggetti accompagna da sempre quella dell’uomo, puntellata da svolte date dall’acquisizione di innovazioni tecnologiche, è nella metà dell’Ottocento che si viene a delineare storicamente la figura professionale del progettista, segnando così la nascita del design moderno e contemporaneo.
Tale materia è ramificata e composita, e abbraccia molteplici discipline: oltre al campo dell’arredo – che spesso esemplifica in maniera eccellente le più ampie linee di ricerca progettuali – sono qui considerati altri settori, dagli oggetti tecnici alla grafica, dalla moda al car design. Particolare attenzione è riservata all’influenza del mondo dell’arte, con tutto il portato di riferimenti di pensiero che ha permeato costantemente la nascita dei progetto.
Al racconto sincronico che segue il dipanarsi del filo del tempo in senso lineare, si affianca un approccio diacronico in cui – attraverso box di approfondimento – la storia di una singola tipologia, di un materiale o di un concetto si stacca dalla sua epoca per entrare in relazione con fenomeni analoghi in altri periodi.
Completa il volume un ampio corredo iconografico, con immagini dotate di didascalie lunghe che specificano una determinata storia e che offrono una possibilità di lettura autonoma.